Güncel Haber, Ölümsüzlerimiz, Perspektif

MKP MK-SB: la fiducia di Gonzalo, la bandiera rossa del proletariato continuerà a fluttuare in Perù e nel mondo!

Centro notizie: l’Ufficio politico del Partito comunista maoista/Comitato centrale (MKP MK-SB) ha rilasciato una dichiarazione scritta sul leader comunista, il presidente Gonzalo, il leader del PKP, che è stato tenuto in pesante isolamento per 29 anni ed è stato assassinato dallo stato fascista peruviano a ottobre 11, prevenendo la progressione della sua malattia e prevenendo il suo trattamento. commemorato con

Le seguenti dichiarazioni sono state incluse nella dichiarazione firmata dal MK-SB del Partito Comunista Maoista, che è giunta al nostro giornale via e-mail.

“Le manovre politiche del capitalismo imperialista, come lo sfruttamento, l’occupazione, le guerre ingiuste e i massacri naturali, che sono i risultati naturali dell’anarchia della produzione, hanno perso di volta in volta il loro slancio colpendo il muro d’acciaio del proletariato mondiale.

La determinazione alla lotta, che ha aperto la strada alla vittoria definitiva del proletariato, è stata tentata di essere frustrata e schiacciata da vari attacchi politico-politici dell’imperialismo. Armati della scienza del marxismo, del leninismo e del maoismo in molti centri del mondo, i partiti comunisti hanno dimostrato alla classe operaia, ai contadini lavoratori e a tutti i segmenti oppressi che un mondo senza confini, guerre e sfruttamento è possibile con le loro lotte di sangue e di vita .

Sottolineando che la nostra epoca è l’epoca delle rivoluzioni proletarie, il capo comunista del proletariato, Lenin, disse: „È dovere principale del partito rivoluzionario rivelare l’interrelazione delle classi“, e affermò che il compito di adempiere i compiti dell’età grava sulle spalle dei partiti comunisti. La Guerra Popolare e la Grande Rivoluzione Culturale Proletaria, che hanno riportato la vittoria sotto la guida del Presidente Mao in Cina, hanno un ruolo estremamente importante nel rilancio dei movimenti comunisti mondiali nel proprio paese, e nel potenziamento e nella rivelazione del potere comunista capi.

Il nostro leader comunista İbrahim Kaypakkaya, fondatore e teorico del partito maoista in Turchia e nel Kurdistan settentrionale; Quando ha detto: „Il nostro movimento è il prodotto della Grande Rivoluzione Culturale Proletaria“, ha affermato che l’inizio e i compiti dell’epoca sono sulle spalle del nostro partito. E quando è stato assassinato, ha sottolineato che, con la guida della scienza MLM, la liberazione del proletariato e delle sezioni oppresse e sfruttate del popolo in Turchia e nel Kurdistan settentrionale sarebbe stata assoluta con la vittoria della guerra popolare, e che tale un peso era sulle spalle del suo partito.

Il sole del marxismo, del leninismo, del maoismo ha sciolto gli iceberg dell’imperialismo nelle mani del proletariato in Turchia e Kurdistan settentrionale, India, Nepal, Filippine e Perù. In molte parti del mondo, i partiti comunisti maoisti che prepararono alla vittoria le guerre popolari sotto la guida del proletariato contro il servo giurato dell’imperialismo, gli apparati statali fascisti dei paesi semifeudali e semicoloniali, conservarono la loro esistenza vitale pagando un prezzo pesante.
La rivolta del proletariato e degli strati poveri contro lo sfruttamento, l’oppressione e il banditismo imperialista in Perù ha rivelato anche le doglie della nascita del partito comunista marxista, leninista e maoista. In mezzo a tutte queste grida, il Partito comunista peruviano ha preso il suo posto sulla scena della storia indossando l’ideologia del marxismo.

Il PKP MLM è un partito, e il suo fondatore e teorico, il presidente Gonzalo, ha insistito sul „MLM non necessariamente maoismo“ e ha proceduto applicando la guerra popolare a condizioni uniche, che hanno scosso profondamente lo stato schiavo peruviano, in particolare l’imperialismo statunitense. Il Partito Comunista Peruviano, che si è radicato nel popolo in breve tempo, ha iniziato a scuotere Washington dalla capitale Lima con i passi della rivoluzione sotto la guida del proletariato.
Quando le mosse strategiche e gli
sforzi del presidente Gonzalo per sviluppare la guerra popolare maoista, da lui sostenuta , iniziarono a dare i loro frutti, le mosse offensive e di circoncisione del nemico
acquistarono slancio .

Il presidente Gonzalo, mentre guidava il PKP,
mostrava anche ai popoli dell’America Latina e del mondo la via per la vera liberazione. Ha rivelato che siamo nel 3° e più alto stadio della Scienza Proletaria, con
la sintesi di UKH della realtà classicamente storica e contemporanea di Mao portata alla coscienza, insieme all’abile applicazione della scienza MLM in condizioni peruviane
. Anche UKH ha lottato
e l’ha fatto accettare. È questa
realtà che distingue il presidente Gonzalo da qualsiasi leader comunista nel CICR . Il lavoro del presidente Gonzalo va studiato e compreso. Ha guidato il
partito comunista teorico-politico con il proletariato peruviano dal 1980 fino al 12 settembre 1992, quando fu imprigionato.
ha reso la sua gente suddita della guerra popolare. Ma non è tutto. Con la
sua comprensione delle dimensioni universali della guerra popolare
, ha chiarito che il proletariato ha una forte strategia militare verso la rivoluzione mondiale del proletariato . La missione del presidente Gonzalo nella storia
sarà affrontata e messa in atto dai MLM con questi contributi.

La sua arguzia e le sue mosse strategiche maoiste hanno
creato le condizioni „normali“ per essere il principale nemico dello stato fascista peruviano e dei banditi imperialisti . Gli attacchi del nemico e il circolo sempre più ristretto
furono ripagati e il 12 settembre 1992 il presidente Gonzalo e molti dei suoi compagni furono fatti prigionieri. I suoi nemici speravano di
esporre e
umiliare il presidente Gonzalo in una gabbia davanti alla stampa mondiale il 28 settembre e di imprigionare il proletariato mondiale ei suoi popoli nei muri della paura con queste immagini
.

Lui, d’altra parte, stava sparando il suo pugno „gabbia“ dalla sbarra di ferro in
faccia ai banditi imperialisti a nome del proletariato mondiale e dei popoli e delle nazioni oppressi ed estinti, gridando con la forza che aveva ricevuto dalla sua ideologia;
Viva il marxismo, il leninismo, il maoismo, viva la vittoria della guerra popolare! Il
clima nebbioso che il nemico voleva creare con discredito, demagogia e manipolazioni è
stato distrutto dal PKP e dalla Guerra Popolare da esso guidata .

Abimael Guzman
Reynoso, detenuto presso la base navale di Callao , prima a morte e poi all’ergastolo aggravato , è
stato un sostenitore della scienza MLM fino al suo ultimo respiro come presidente Gonzalo, leader del PKP e uno dei leader dell’UKH . Il ricovero in ospedale del compagno Gonzalo il 20 luglio e il
fatto che le informazioni concrete sulla sua salute non fossero condivise dallo stato fascista peruviano hanno
portato serie preoccupazioni per la sua vita . I compagni maoisti di molti paesi del mondo hanno
organizzato campagne per difendere la salute e la vita del presidente Gonzalo e hanno intrapreso azioni in molti paesi
.

In 29 anni di grave isolamento, il leader comunista ha
continuato a incutere timore nell’imperialismo e nel suo lacchè nativo, lo stato fascista peruviano . L’11 settembre Gonzalo fu dichiarato morto.
Il compagno Gonzalo, assassinato dallo stato peruviano , ha segnato la storia come combattente
comunista
, leader indomito, dedito al proletariato mondiale, in particolare al proletariato peruviano , e ai popoli oppressi , con la linea della guerra popolare, nonostante ogni tipo di attacco .

Continuerà ad essere un’arma nelle mani del proletariato mondiale, una torcia inestinguibile nella sua coscienza. Invitiamo
le forze e il popolo maoisti, in particolare dalla Turchia e dal Kurdistan settentrionale, ad
abbracciare la memoria comunista delle forze internazionali comuniste-rivoluzionarie Presidente Gonzalo e
a sostenere con forza gli eventi di commemorazione che si terranno . Dobbiamo assumerci il nostro dovere di adempiere alle nostre
responsabilità rivoluzionarie
, conoscendo il nostro rancore di classe e agendo con la consapevolezza di ritenere responsabile dell’omicidio del compagno Gonzalo dalle potenze imperialiste e dallo stato fascista peruviano .

Il leader comunista Gonzalo è immortale!
Viva la vittoria della guerra popolare!
Viva l’internazionalismo proletario!
Viva il marxismo, il leninismo, il maoismo!”

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Translate »